A chiunque decida di sottoporsi ad un trapianto di capelli con tecnica FUE, viene consigliato di attenersi a delle regole.
Ci sono degli accorgimenti da seguire sia prima di fare l’intervento, sia nel post-operatorio;
un percorso facile da seguire ma determinante per garantire e tutelare l’attecchimento delle unità follicolari innestate.
Questi importanti accorgimenti sono essenziali al fine di assicurare un risultato finale ottimo e duraturo.

Prima della partenza è necessario sottoporsi ad una consultazione medica online tramite invio delle foto del capo. La valutazione sarà effettuata personalmente dal nostro Tricologo e dal nostro Dermatologo.

Al fine di comprendere al meglio la situazione specifica del paziente è fondamentale capire se si è più o meno idonei all’intervento, perciò chiediamo a tutti coloro che vorrebbero sottoporsi al trapianto di capelli, di inviarci 5 foto del capo che sottoporremo alla valutazione medica della nostra Clinica.
Avremo bisogno di una foto da ogni lato del capo (zona frontale, zona posteriore, lato destro, lato sinistro e zona superiore).

Tramite la consultazione medica online metteremo a conoscenza il paziente della sua situazione specifica, fornendogli un riscontro medico dettagliato e personalizzato circa la fattibilità tecnico-chirurgica dell’intervento in primis, la quantità di bulbi che potremo innestare, la durata dell’intervento, il costo esatto del pacchetto e le prossime date di partenza.

È possibile inviarci le foto per una consulenza gratuita nelle seguenti modalità:

  • tramite email all’indirizzo diego.marziali@blueagency.it
  • potete inviare le vostre foto su Whatsapp (al numero 3311805369)
  • potete mandarci le vostre foto contattandoci tramite la nostra pagina Facebook.

Saranno necessarie foto nitide, recenti, con capelli asciutti non bagnati,non rasati, ben illuminate da luce naturale, foto possibilmente ad alta risoluzione, che rappresentino al momento dell’invio lo stato attuale della vostra calvizie.

La quantità dei bulbi preventivata in sede di consultazione potrà variare leggermente in fase d’intervento chirurgico.

La consultazione medica online, eseguita di volta in volta, prendendo visione delle foto inviate dai pazienti, è una valutazione più che attendibile; ma non essendo una vera e propria visita dermatologica potrebbe essere soggetta talvolta a un lieve margine d’errore. Difatti sporadicamente, foto
poco nitide o di bassa qualità fanno si che la situazione nella realtà possa sembrare di gran lunga diversa. Per questo motivo il numero dei bulbi preventivato in sede di consultazione non può considerarsi sempre esatto al 100%, si tratta di una approssimazione. Spesso accade che dal vivo l’area calva o la zona donatrice del paziente possano manifestarsi più grandi o più piccole rispetto alle foto. Ne consegue il discostarsi leggermente (in eccesso o in difetto) dal numero di bulbi preventivato prima della partenza.

L’agenzia Blue Agency si occuperà del vostro percorso, vi seguirà passo passo in tutte le fasi.
È utile quindi riferire al coordinatore se ci sono problemi riguardo alla propria anamnesi (storia clinica delle condizioni di salute personali), informare se si soffre di patologie (croniche o infettive), se si è allergici a farmaci ed eventuali trapianti di capelli svolti in passato.

In caso di insicurezza sulle proprie condizioni di salute consigliamo di eseguire i seguenti test:

  • Emocromo, glicemia, sodio, potassio, creatinina, transaminasi AST ALT, tempo di emorragia (PTT, a PTT, INR), epatiti e indicatori HIV (HBs Ag, Anti-HBs Ag, HCV, HIV). In clinica in ogni caso verranno ripetute le analisi del sangue per assicurare che non vi siano malattie infettive: HIV – HCV – DIABETE – EPATITI, malattie infettive in generale.
  • Nel caso si faccia uso di medicinali anticoagulanti (aspirina), sospendere 3-4 giorni prima dell’intervento (consultare comunque il vostro medico curante).
    Una settimana prima dell’intervento sospendere l’assunzione di preparati multivitaminici contenenti vitamine B-E perché potrebbero aumentare il sanguinamento durante la fase dell’intervento.
  • Una settimana prima dell’intervento è consigliato sospendere l’utilizzo dei prodotti per capelli come: finasteride, minoxidil-rogaine.
  • Due giorni prima dell’operazione è consigliato sospendere o comunque diminuire l’uso di alcolici, caffeina e fumo. Non dimenticare che fumare comporta tempi di guarigione più lunghi.
  • Se si soffre di allergie a qualche medicinale o antibiotici o se si assumono regolarmente farmaci per patologie cardiache – ipertensione – diabete, comunicarlo al vostro medico curante ed informare il vostro coordinatore Blue Agency.
  • È necessario mangiare prima dell’intervento (fare colazione o pranzo).
  • Il giorno dell’intervento è consigliato indossare un abbigliamento comodo, che si possa sfilare facilmente come una camicia con bottoni, felpa con zip, t-shirt (tipo polo o con scollo largo).
  • Non tagliare i capelli prima dell’intervento, il taglio di capelli verrà effettuato dall’equipe della clinica.

Giorno 1

  • Non sollevare pesi, evitare grandi sforzi. Si consiglia di stare distesi, muoversi il meno possibile e riposare.
  • Non piegare il capo verso il basso.
  • Evitare di toccare il capo dopo l’intervento. Non grattare la zona trattata con la mano o con altri oggetti.
  • Non assumere cibi solidi che comportino sforzi mandibolari.
  • Evitare di fumare dopo l’intervento perché aumenta il rischio di abbassamenti di pressione.

Giorno 2-3

  • Non bere alcolici.
  • Assumere i medicinali prescritti dalla clinica come descritto dallo staff medico dopo l’intervento.
  • Evitare rapporti sessuali, nei primi 3 giorni, perché potrebbero far aumentare la pressione sanguigna con rischio di danneggiamento dell’intervento.
  • Non pettinarsi in nessun modo per i primi 3 giorni.
  • Le prime 2-3 notti è consigliabile dormire supini, con il volto rivolto verso l’alto, non poggiare le zone innestate sul cuscino.
  • Se si presenta mal di testa, all’occorrenza una compressa di tachipirina da 1000mg dopo aver mangiato, può essere assunta (se non si è allergici al paracetamolo).
  • È possibile che dopo la medicazione eseguita il giorno seguente all’intervento chirurgico si presentino delle perdite ematiche, prima di dormire potete posizionare una garza sul cuscino per impedire che si sporchi.
  • Per i primi 30 giorni successivi al trapianto è consigliato non fare sport che possano causare trauma alle zone interessate (boxe, arti marziali, palestra, basket) o sport che comportino un alto sforzo fisico (quali body building, squash ecc.). Se siete persone sportive, è consigliato sospendere per almeno 1 mese tutte le attività.
  • Non toccare in nessun modo la zona nella quale sono stati innestati i bulbi dopo l’intervento. Non urtare il capo.
  • Non indossare cappellini o copri capo fai da te, berretti, caschi o bandane per il primo mese, usare solo quello che viene dato dalla clinica o similare.
  • Per il primo mese dopo il trapianto, non nuotare (in piscina o al mare), non frequentare solarium, saune e non prendere il sole.
  • Per i primi 45 giorni evitare gel per capelli, cere, brillantina e tinture per capelli. Il gel può essere utilizzato un mese dopo l’intervento. I capelli possono essere tinti 6 mesi dopo il trapianto.
  • Durante il primo mese dopo l’intervento è possibile avere del prurito nelle aree trattate. È normale, in ogni caso non va grattata la zona interessata dal prurito, con la mano o con altri oggetti. Il prurito indica che I tessuti sono in fase di guarigione. Se il prurito è molto forte potete effettuare un lavaggio del capo.
  • I nuovi capelli trapiantati cominceranno a cadere già dalla prima settimana. La caduta è fisiologica. Questa perdita continua sino alla sesta settimana. Intorno al secondo mese cominciano a crescere i nuovi capelli. La caduta di capelli registrata in questo mentre rappresenta una normale fase del processo di guarigione. Non bisogna preoccuparsi.
  • Evitare di esporsi al sole per lunghi periodi e comunque coprire il capo con un cappello nelle lunghe esposizioni, evitare di fare “lampade abbronzanti”, non indossare casco o parrucche.

Giorno 4

  • Lavare il capo con shampoo PH neutro per 15 giorni consecutivi, in modo molto delicato (solo tamponare). Non usare asciugamani e asciugacapelli/fon per i primi 15 giorni. Passati i primi 15 giorni col trattamento delicato, è possibile iniziare a lavare il capo con uno shampoo normale e fare un massaggio con i polpastrelli delle dita per facilitare la rimozione delle croste.
  • Evitare di fare docce troppo calde, evitare di nuotare in piscina (cloro).
  • Cercare di condurre uno stile di vita sano e tranquillo per almeno 2 settimane.
  • Gli anestetici e i medicinali somministrati nel corso dell’intervento possono causare edemi e gonfiori diffusi sul volto. Se avete gonfiore sulla fronte, questo rientra nella normalità. Non è nulla di allarmante. Il gonfiore verrà riassorbito nel giro di pochi giorni. Oltre ai medicinali prescritti dovete assumere molti liquidi e all’occorrenza potete fare degli impacchi col ghiaccio, massaggiando la zona interessata (fronte, e contorno occhi) per favorire un più rapido recupero.
  • Per i primi quattro giorni evitare di effettuare attività fisica, perché fa aumentare la pressione del sangue.
  • Potrebbe insorgere prurito nella zona donatrice, causato dall’insorgere di brufoli giallognoli nell’area donatrice, questo è un disturbo comune, si potrà alleviare il prurito con un comune antistaminico, e con il passare dei giorni il prurito sparirà.
  • Nei primi giorni dopo l’intervento, si può notare anche qualche capello attaccato a piccole pellicine. Niente paura, è tutto normale, al di sotto delle crosticine che cadono il bulbo è vivo e produrrà capelli sani e forti entro gli 8 mesi.

Giorno 10
A partire dal decimo giorno dopo il trapianto di capelli potrete utilizzare il vostro shampoo tradizionale e lavare i capelli in modo regolare.

Giorno 30
A partire dal trentesimo giorno dopo il trapianto, utilizzare le vitamine, lo shampoo, lo spray e i prodotti della terapia fornita dalla clinica, contribuiranno ad ottenere un duplice effetto: rafforzare e promuovere una più veloce crescita dei capelli trapiantati; preservare i capelli non trapiantati dalla caduta.

Terzo Mese
A partire dal terzo mese dopo l’intervento, potete usare la mano per dare forma ai capelli e definirne la loro direzione.

  • Nel trapianto di capelli tecnica FUE, la percentuale di attecchimento nella zona anteriore è ottimale ed è pari al 90-95% dei bulbi trapiantati, mentre nella zona posteriore (vertice, corona o chierica) l’attecchimento è inferiore ed è pari al 60-70% dei bulbi innestati. Queste percentuali sono statistiche reali riconosciute in tutto il mondo.
  • Il trapianto di capelli è un trapianto cellulare, ogni trapianto di capelli può essere diverso dall’altro, perché la struttura dei tessuti del cuoio capelluto varia da un individuo all’altro; quindi la ricrescita può essere diversa, per alcuni soggetti ritardata, in confronto ad altri pazienti. Non si deve pensare che è un trapianto sbagliato ma, si dovrà aspettare con pazienza, perché i capelli non ricresceranno per tutti allo stesso giorno e nello stesso momento ma si dovrà attendere all’incirca 1 anno per raggiungere il risultato finale. Non ci si deve paragonare con l’amico o con il conoscente perché ognuno di noi è diverso e il risultato si deve giudicare a ricrescita ultimata.
  • Dopo aver eseguito un trapianto di capelli entro i primi due mesi, il 40-70% dei capelli potrebbero cadere per il trauma subito. I capelli ricresceranno a partire dal terzo/quarto mese, fino all’ottavo mese. Di norma, si raggiunge il 100% del completamento totale del risultato già intorno all’8° mese, e i capelli ricresciuti avranno la stessa resistenza e struttura degli altri capelli. In alcuni casi il completamento della ricrescita può impiegare anche 1 anno.
  • I bulbi vengono prelevati singolarmente dalla zona donatrice (zona occipitale) e dalle zone laterali. Nella zona donatrice si manifesta uno sfoltimento proporzionale pari alla quantità di bulbi prelevata. Al termine del periodo di guarigione la zona donatrice si ristabilisce e tale diradamento assumerà percentuali minime e un graduale aspetto naturale difficilmente visibile.
  • I capelli trapiantati non cadranno mai, perché sono stati prelevati dalla nuca e aree laterali del capo (area occipitale), una zona nella quale i capelli sono geneticamente destinati a durare per tutta la vita. Se nella zona del trapianto che si andrà a trattare vi sono anche altri capelli, (diradamento) questi potranno continuare a cadere dopo l’intervento, perché il trapianto non previene la perdita dei capelli.

  • Nella zona di prelievo e di innesto dei bulbi, già dalle prime settimane dopo l’intervento e per tutta la durata della ricrescita dei capelli trapiantati, si potrebbe verificare l’insorgere di brufoli o foruncoli, non strizzare queste formazioni, il tutto sparirà nel giro di poco tempo, e questo fenomeno non si manifesterà più dopo gli otto mesi dall’intervento.
  • Dopo la prima medicazione, che sarà effettuata in clinica, verrà applicata una fascia (nera) intorno al capo, questa fascia serve per prevenire che l’edema e il gonfiore scendano verso il basso, e quindi sulla fronte e sul viso. La fascia deve essere indossata per 3 giorni. La sera prima di andare a dormire, si consiglia di scendere la fascetta sul collo, senza toglierla, onde evitare di arrecare danni ai bulbi impiantati; dopo il 3° giorno è possibile rimuovere la fascia direttamente tagliandola con un paio di forbici.
  • Dopo essersi sottoposti al trapianto di capelli, è normale che compariranno delle croste dovute all’azione chirurgica, nel corso dei lavaggi e durante i primi giorni, (i lavaggi verranno spiegati e simulati in clinica dallo staff medico) le croste si potranno staccare dal cuoio capelluto insieme ai capelli trapiantati, questo è normale, non c’è da preoccuparsi, sono i capelli che si staccano, non i bulbi! I bulbi ci sono e sono ben fissati sotto la cute.
  • Durante i primi mesi successivi all’intervento si potrebbero verificare una maggiore sensibilità e un intorpidimento nella zona della nuca (zona donatrice), oppure potrebbe manifestarsi un senso di prurito, è tutto normale e può succedere ma al massimo entro un mese questi fastidi scompariranno.

ANTIBIOTICO CIPRO: prendere una compressa 2 volte al giorno, dopo i pasti, ogni 12 ore, 1 la mattina e 1 la sera (si consiglia di assumere le compresse a stomaco pieno). Da prendere dalla mattina successiva all’intervento fino all’esaurimento della confezione.
ASPIRINA: prendere una compressa 1 volta al giorno, dalla mattina successiva all’intervento per 10 giorni.
TRENTILIN: prendere una compressa 1 volta al giorno, dalla mattina successiva all’intervento per 10 giorni.
ANALGESICO MINOSET: solo in caso di dolore (dietro prescrizione della clinica).

Il lavaggio dei capelli è una procedura importante almeno quanto il trapianto.
Il lavaggio dei capelli ha inizio due giorni dopo l’intervento, salvo diversa prescrizione da parte della clinica. Il lavaggio dei capelli deve essere ripetuto per i primi 15 giorni. La procedura e tutte le spiegazioni su “come lavare i capelli” vi saranno fornite in maniera molto dettagliata e precisa dalla clinica, il giorno successivo al trapianto, durante la visita medica post-intervento, e medicazione delle aree trattate.
Quello che ci proponiamo in questa sezione è soltanto di rendere un’idea abbastanza chiara di come avvengono i lavaggi di capelli nel periodo immediatamente successivo all’intervento, con l’intento di far comprendere al meglio questa procedura importante a tutti i nostri clienti e agli utenti che ci seguono.
Per lavare i capelli nei primi giorni dopo l’intervento la clinica include nel pacchetto una Lozione Idratante e uno Shampoo Neutro, da utilizzare nella zona dove avvengono gli innesti dei bulbi e nella zona di prelievo a partire dal 2° giorno dopo l’intervento, per i primi 15 giorni, una volta al giorno.

Eseguire il lavaggio per 15 giorni, iniziando dal 2° giorno, come segue:

Secondo Giorno (Primo Lavaggio a Casa):
In primo luogo, con il palmo della mano si procede ad applicare la lozione sull’area del trapianto (distribuire la lozione su tutta l’area dove sono localizzati gli innesti, tamponando con movimenti dall’alto verso il basso).
Attendere 45-60 minuti e risciacquare con acqua tiepida, delicatamente. Il getto d’acqua non deve essere troppo forte. Con il palmo della mano si procede ad applicare lo shampoo neutro PH5.5, successivamente lavare molto delicatamente l’area del trapianto e la zona di prelievo (nuca) con i polpastrelli, effettuando dei movimenti lineari dall’alto verso il basso (tamponare). È altamente sconsigliato eseguire dei movimenti destra-sinistra, sfregare, strofinare e graffiare l’area degli innesti durante il lavaggio dei capelli. Risciacquare poi con acqua tiepida.
La zona donatrice può essere lavata da subito effettuando dei massaggi (senza bisogno di tamponare, poiché in questa zona non vi è rischio di rovinare nulla, dato che gli innesti sono presenti soltanto nella zona superiore ricevente).
L’asciugatura deve essere effettuata con una salvietta di carta, un fazzoletto tipo Scottex o con delle bende.
Non utilizzare asciugamani di tessuto o di spugna e neanche gli asciugacapelli.
Ripetere questa stessa procedura una volta al giorno, per 8 giorni (fino al decimo giorno dopo l’intervento).

Undicesimo Giorno:
Ripetere la stessa procedura sopra illustrata ma questa volta massaggiando delicatamente anche nella zona ricevente (nell’area del trapianto di capelli), durante il lavaggio, è possibile muovere il palmo della mano da destra verso sinistra. Rispetto ai giorni precedenti, ogni giorno il lavaggio deve essere effettuato aumentando l’intensità del movimento applicato.

Dodicesimo/Tredicesimo/Quattordicesimo Giorno: Ripetere La Stessa Procedura Del Giorno Undici
Ripetere la stessa procedura sopra illustrata ma questa volta massaggiando delicatamente anche nella zona ricevente (nell’area del trapianto di capelli), durante il lavaggio, è possibile muovere il palmo della mano da destra verso sinistra. Rispetto ai giorni precedenti, ogni giorno il lavaggio deve essere effettuato aumentando l’intensità del movimento applicato.

Se avete seguito correttamente le istruzioni che vi abbiamo fornito per i lavaggi dei capelli, tutte le croste, pellicine, crosticine che si sono formate a seguito dell’atto chirurgico dovrebbero essere sparite entro il 12° lavaggio di capelli (quattordicesimo giorno dopo l’intervento).
Se al decimo lavaggio avete ancora della croste in testa, potreste danneggiare alcune parti trapiantate.
Quindi niente paura! Dopo il decimo lavaggio potete tranquillamente iniziare a lavare i capelli massaggiando più energicamente per favorire una corretta rimozione di tutte le crosticine entro i primi 14-15 giorni dall’intervento.